Riflessioni

#delordstories 01 – Tornare a casa

Scrivere è per me rilassante e liberatorio. In questo spazio troverai estratti e condivisioni dai miei appunti, idee, spunti, riflessioni che voglio condividere con te lettore del web che mi segui, affinché si possa creare un confronto ed uno stimolo reciproco ad un colloquio dal latino colloquium, derivazione di collŏqui ovvero “parlare insieme“.

Christian Carlino “DeLord”

Sto lavorando a qualcosa di nuovo. Nelle scorse settimane, ho sentito l’esigenza di avere una chiara intenzione per quello che sto cercando di creare in musica.

Ho lavorato su alcuni aspetti a cui non avevo mai dato molto peso e mi stanno dando una nuova visione per quello che voglio esprimere. Ad esempio ieri stavo esplorando uno spunto di alcune note che mi facevano pensare molto al concetto di “tornare a casa”.

Inizialmente la cellula di note che avevo trovato mi risuonava di un tempo molto lontano, poi iniziando ad indagare poco alla volta ho seguito la strada. Poco alla volta quella cellula si è trasformata in qualcosa di familiare ma molto più evoluto, molto più simile a ciò che sento. Tornare a casa, ma in che senso? 

Inizialmente non avevo capito dove stava cercando di portarmi questa cellula di note che aveva deciso di venire ad incontrarmi. Apparentemente mi sembrava di ascoltare un canto medievale, in lontananza, un eco, un susseguirsi di colori quasi palpabili… 

Ho chiuso gli occhi per un attimo e tutto si è fatto più chiaro. Quella cellula ha cambiato forma e si è trasformata in qualcosa di più riconoscibile, familiare. “Tornare a casa” mi sussurrava la mia anima, “torna a casa”. Ed è in quel momento che le lacrime e la gioia hanno preso il sopravvento, hanno materializzato davanti ai miei occhi una chiarezza indescrivibile. Si è adagiata in me la consapevolezza che questa infinita ricerca a cui sto partecipando che è la vita, non ha fatto altro che farmi capire quanto più ci allontaniamo da noi stessi (la nostra casa), tanto più allora tutto ci risuonerà meno familiare e lontano ma, al tempo stesso, tutta questa lontananza altro non sarà che una grande esperienza per apprendere appieno la nostra essenza.

La musica è un potente strumento per ballare su questi spazi e guidarci verso casa. Voglio che questa musica trovi il suo spazio e le emozioni incoraggino le persone a esplorare tutto ciò che sono, a cuore aperto.

Sento che questo tempo ha bisogno che le nostre emozioni tornino ad essere la base fondamentale su cui evolvere e vivere. A volte mi chiedo, perché come uomo dovrei vergognarmi se piango? Oppure ancora, è sbagliato mostrare in modo chiaro le nostre intenzioni?

Questa società in cui viviamo ha creato modelli che stanno contribuendo a risvegliare in noi le nostre emozioni, starà a noi scegliere se seguirle o continuare ad apparire.

Ora voglio lasciare a te che mi leggi alcune domande su cui poter riflettere insieme:

  • Hai preso decisioni per il tuo bene?
  • Hai percepito meglio cosa ti da piacere e cosa no?
  • Quante volte hai fatto cose perchè ti venivano imposte?

A queste e ad altre domande sto cercando di dare una risposta in musica, prossimamente…

A presto,

Christian Carlino “DeLord”

Scrivi nei commenti qui sotto quali emozioni ti suscita questa riflessione.

Christian DeLord Carlino

Christian DeLord Carlino

Mi chiamo Christian Carlino, in arte DeLord, classe 1985. Pianista, compositore e creativo dall’animo pop ma con innata la voglia di imparare e formulare sempre nuove idee. La libertà di espressione fa parte del mio modo di essere e trova forma nelle mie passioni.

Leave a Reply